Human Capital Coverage

Il modello ERG di misurazione del ROI del Capitale Umano

Negli ultimi anni abbiamo modificato le parole e i concetti utilizzati all'interno della nostra organizzazione, passando dall'idea di "Human Resources" a quella di "Human Capital": riteniamo che la differenza risieda principalmente nella considerazione che una "risorsa" si "utilizza", mentre il "capitale" è "ricchezza aziendale", un patrimonio non costituito solo dalla componente tecnico - economico ma anche (se non principalmente) dalla componente "umana", le nostre Persone

I manuali organizzativi

I manuali organizzativi
Per sviluppare concretamente questi concetti e cercare un modo per misurare il "valore del Capitale Umano" abbiamo creato strumenti utili, in primis, al Management ed in generale a tutte le Persone che operano nel Gruppo: i Manuali Organizzativi, che consentono a tutti di capire quali competenze ("skills") sono realmente necessarie per svolgere al meglio il proprio ruolo all'interno del contesto operativo.

I Manuali Organizzativi, sviluppati per ogni società del Gruppo, descrivono ogni ruolo definito nell'organizzazione per lo svolgimento della sua attività; al loro interno sono individuate tutte le competenze necessarie per la piena copertura di ogni ruolo, misurandone l'intensità con un "rating" su una scala di valori che va da 1 a 5 (dove 1 è il minimo e 5 il massimo). 

La Skill Gap Analysis

La Skill Gap Analysis
Il Manuale Organizzativo viene sviluppato con riferimento ad ogni Unità Organizzativa del Gruppo (per la Corporate, per le Business Unit Renewables e Power, per ERG Services), secondo una struttura concettuale identica ed omogenea basata su: l'assetto organizzativo specifico di ogni unità organizzativa, per quanto riguarda l'individuazione dei ruoli censiti; un elenco di competenze unificato a trasversale a livello di Gruppo (il "catalogo delle competenze") individuate da Human Capital in collaborazione con le linee operative.

Il passaggio successivo è stato quello di individuare le aree organizzative con carenze di competenze necessarie per comprendere dove e come risulti maggiormente necessario intervenire. Per effettuare una adeguata Skill GAP Analysis, abbiamo messo a punto uno strumento interno coerente con il profilo di competenze individuate nei manuali organizzativi.

Obiettivo principale è stato quello di mettere a confronto il livello di competenze "attese" per ogni posizione rispetto al livello "reale" delle competenze delle persone che ricoprono i differenti ruoli. Il risultato ottenuto è un insieme di informazioni che "parlano" in modo condiviso (in termini di metodo e di contenuti) ed oggettivo (tramite un processo di verifica interna sulla bontà delle valutazioni fornite) dello status di copertura dei ruoli nelle varie Unità Organizzative del Gruppo, con la possibilità di analizzare la situazione a livello di singolo ruolo o aggregare i dati di Gruppo.
 

Human Capital Coverage - Indice di "Copertura del Capitale Umano"

Human Capital Coverage - Indice di
Il database che abbiamo costruito e la metodologia che abbiamo messo a punto costituiscono uno strumento molto importante per la "gestione" del Capitale Umano, consentendo di esprimere in modo sintetico e numerico il valore del nostro Capitale Umano in un determinato momento. 

Noi lo abbiamo definito indice di "Copertura del Capitale Umano". Questo indice rappresenta il "collante" all'interno dei processi Human Capital orientati all'ottimizzazione ed all'efficienza/efficacia organizzativa: ci fornisce una SWOT analysis di ogni area, utile per la pianificazione strategica del manpower, ci guida all'interno dei percorsi di formazione, di mobilità interna e carriera, di allocazione delle risorse in base al livello di "fit" tra profilo e ruolo, nella sfera delle assunzioni grazie alla conoscenza dei profili attesi quale strumento per la scelta dei migliori candidati.

La base oggettiva su cui si sviluppa l' consente di esprimere in valore numerico il ritorno dell'investimento effettuato sul Capitale Umano (considerando tale il costo del lavoro in un dato anno), secondo la seguente formula:  HC ROI ERG  

 

Questo nostro strumento di valutazione del Capitale Umano, molto utile ed innovativo, non è reperibile fino ad ora nel panorama delle metodologie di gestione e sviluppo del personale e delle organizzazioni: per questo motivo abbiamo ritenuto opportuno registrare il marchio (nelle classi di appartenenza 9, 35 e 42) presso l'UIBM (Ufficio Italiano Marchi e Brevetti).   


Il target indicato per l'HCC nel Piano industriale di ERG è il raggiungimento di un indice di copertura pari al 92% nel 2022 che, considerato il clima di cambiamento organizzativo molto dinamico, risulta essere obiettivo molto sfidante. In quest'ottica, stiamo lavorando costantemente al miglioramento del modello e ulteriori sfide ci attendono per il 2018.
Il 2018 è stato l'anno di consolidamento del modello "ONE Company", che ha cambiato integralmente l'organizzazione interna. è stato un anno in cui abbiamo continuato a misurare la crescita del nostro indice di copertura del capitale umano - Human Capital Coverage (HCC) -, una componente essenziale per la realizzazione del nostro piano industriale. Anche quest'anno abbiamo fatto un confronto con gli anni precedenti, prendendo in considerazione quattro cicli di valutazione. L'obiettivo è rimasto quello di confrontare il livello di competenze attese per ogni ruolo rispetto al livello reale valutato sul campo.

L'utilizzo dello strumento è invece cambiato, in modo da studiare meglio gli aspetti emersi dalla valutazione del 2017. Sulla base delle nuove iniziative emerse nel 2018, l'area Talent Management & Acquisition ha utilizzato i modelli e le informazioni fornite dall'HCC per impostare le proprie attività di formazione e crescita professionale, là dove gli indici indicavano aspetti da migliorare. L'HCC ha ispirato anche i programmi per il 2019 dei partner della nostra funzione Risorse Umane (HRBP), che hanno presentato al Chief Human Capital & ICT Officer importanti sviluppi nelle proprie aree di competenza. L'HCC evolve continuamente: rispetto al 2017, abbiamo sviluppato ulteriormente la profilazione  del capitale umano e imboccato nuove strade col "modello funzionale," confermando la crescita iniziata nel 2017 con la riorganizzazione e raggiungendo il 90 percento di copertura del Gruppo nel 2018.

Con un incremento di circa tre punti percentuali rispetto al 2017, nel 2018 il nostro indice di copertura del capitale umano ha operato in un contesto decisamente diverso e con logiche organizzative completamente riviste. I principali aspetti che hanno permesso questo incremento sono riconducibili ad alcuni fattori principali: - individuazione delle aree organizzative dove era necessario intervenire; - sviluppo di processi organizzativi per migliorare la produttività in aree di intervento specifiche; - razionalizzazione della formazione in base alle analisi sviluppate con l'HCC.

Competenze, sapere, saper fare e capacità di imparare sono doti necessarie per l'individuo, ma anche risorse sulle quali si costruisce il futuro dell'azienda. Per la sostenibilità individuale e di Gruppo, investiamo molto sulla crescita delle persone e sulla auto-impiegabilità: in questo ambito, l'HCC è uno strumento a disposizione dei dipendenti per essere costantemente adeguati alle dinamiche del mercato del lavoro e continuare il loro progresso professionale.

I nostri Piani Industriali di sviluppo mirano al raggiungimento del 92% dello Human Capital Coverage nel 2022, un obiettivo stimolante, considerato il clima organizzativo molto dinamico.
(dal Rapporto di Sostenibilità ERG 2018 - Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario redatta ai sensi del D.Lgs. 254/2016 al 31 dicembre 2018)
Chiudi

Condividi articolo

Invia