Il dialogo

Siamo cresciuti negli anni seguendo la nostra mission di produttori indipendenti di energia elettrica "a forte vocazione rinnovabile" raggiungendo una dimensione europea.  Attualmente operiamo in sette diverse nazioni in Europa e in quattordici regioni in Italia, con un portafoglio di attività che spazia dallo sviluppo e realizzazione ex novo di parchi (cd. greenfield) alla gestione e ottimizzazione degli impianti esistenti, inclusa la vendita sul mercato dell'energia prodotta, sino al loro completo rinnovamento (repowering).

In Italia, siamo un operatore riconosciuto e apprezzato per l'efficace riposizionamento dal petrolio alle rinnovabili. In altri Paesi, come Francia, Germania e Regno Unito, siamo in una fase di crescita e consolidamento, che richiede una grande attenzione nello sviluppo delle relazioni con gli stakeholder, in particolare quelli istituzionali e media.

Le modalità e le tipologie di relazione con gli stakeholder variano a seconda del grado di maturità e profondità di rapporto raggiunto nei vari Paesi e degli obiettivi di sviluppo del nostro Piano Industriale.

Pur seguendo strategie relazionali differenti, rimane costante il nostro approccio metodologico e il nostro modo di fare impresa, che si basa sulla valorizzazione dei rapporti con i territori ove operiamo, con le autorità, i clienti, i fornitori, gli azionisti, i dipendenti e tutti gli stakeholder.

Legalità, onestà, correttezza, uguaglianza, riservatezza, equità, integrità, trasparenza, responsabilità, sostenibilità sono i principi che ci ispirano e ci guidano nel confronto e nella realizzazione di iniziative CSR.
  • Il dialogo con gli Stakeholder Istituzionali
    Il settore industriale in cui operiamo è regolato da un sistema di norme nazionali ed europee in continua evoluzione. I rapporti con le istituzioni permettono di partecipare e contribuire a tale evoluzione.

    In un contesto così dinamico, il confronto con le Associazioni di Categoria (quali ad esempio Confindustria, Elettricità Futura, ANEV, AIGET, WindEurope, Associazioni eoliche dei Paesi esteri) e i principali soggetti del settore, permettono di elaborare e rafforzare le nostre istanze di operatore industriale delle energie rinnovabili, sostenendo allo stesso tempo politiche di decarbonizzazione fondamentali per il nostro business.

    Nel 2018 sono stati numerosi i tavoli ai quali abbiamo contribuito, mettendo a disposizione le nostre competenze industriali e la conoscenza del settore. I più importanti hanno trattato:

    • il Clean Energy Package, presentato dalla Commissione Europea, nel cui ambito è stata approvata la nuova Direttiva sulle fonti rinnovabili e l'obiettivo del 32% di copertura delle rinnovabili sui consumi finali lordi di energia al 2030;

    • la riforma dell'Emission Trading Scheme, che ha rafforzato il valore delle quote di emissione di CO2, uno degli strumenti più importanti nella strategia europea per la lotta al cambiamento climatico;

    • le iniziative di revisione della Strategia Energetica Nazionale, di riforma del Mercato Elettrico e di implementazione del Mercato della Capacità;

    • i sistemi per incentivare lo sviluppo delle fonti rinnovabili e, in particolare, il repowering degli impianti esistenti.


    La partecipazione attiva ai processi volti alla definizione delle politiche di decarbonizzazione del Paese ci permette di accrescere costantemente la nostra reputazione. Per garantire la massima linearità nella gestione dei rapporti con gli stakeholder istituzionali, abbiamo adottato un sistema di controllo interno basato su procedure integrate nel Modello Organizzativo (ex D.Lgs. 231/01 e s.m.i.) e affiancato da uno specifico sistema sanzionatorio.

    In linea con i principi appena richiamati, abbiamo inoltre adottato una specifica Policy che vieta l'erogazione di contributi diretti o indiretti, sotto qualsiasi forma, a partiti, movimenti, comitati o organizzazioni politiche o sindacali, a loro rappresentanti o candidati.
  • ERG e le Relazioni Internazionali
    Per accrescere la nostra presenza a livello internazionale, presidiamo costantemente le attività delle principali istituzioni europee a Bruxelles, in particolare sui temi energetici e ambientali, anche con il supporto delle associazioni di settore (Wind Europe).

    Allo stesso tempo, monitoriamo attentamente l'evoluzione politica, normativa e regolatoria degli Stati Membri in cui siamo presenti (Francia, Germania, Polonia, Romania, Bulgaria e Regno Unito) sia tramite la partecipazione alle associazioni di categoria nazionali, che attraverso un dialogo diretto con le istituzioni del Paese di riferimento.

    Il Piano Industriale 2018-2022 rivolge una particolare attenzione verso i mercati di Francia, Germania e Regno Unito, dove cresceremo maggiormente nei prossimi anni.

    Per questo abbiamo attivato un programma di stakeholder engagement mirato per ciascuno di questi Paesi, così da migliorare e accrescere il nostro profilo e la nostra riconoscibilità, quale operatore green, serio e responsabile, impegnato attivamente nella transizione energetica in atto.

    È questo un modo per stabilire partnership e relazioni significative con gli altri operatori, i media e gli stakeholder istituzionali, a supporto dello sviluppo aziendale del Gruppo.
  • Il dialogo con la Comunità Finanziaria
    La nostra Società è costantemente impegnata a fornire tempestivamente e in modo trasparente alla Comunità Finanziaria tutte le informazioni per valutare le opportunità di investimento nel nostro titolo.

    Un costante e puntuale aggiornamento sulla realizzazione degli impegni industriali è utile infatti per mantenere la fiducia dei mercati; inoltre la chiarezza nella comunicazione delle strategie di sviluppo è indispensabile per sostenere il valore di una Società che sta facendo importanti investimenti nelle energie rinnovabili in Italia e in Europa. Il 2018 è stato un anno fondamentale per noi, per due ragioni.

    La prima è che abbiamo compiuto 80 anni, investiti nella generazione di energia e di crescita sostenibile, iniziando come operatori petroliferi ed evolvendoci in società industriale leader nella produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. L'altro evento fondamentale del 2018 è stato la presentazione del Piano industriale 2018-2022 alla Comunità finanziaria, avvenuta con un anno di anticipo, non solo perché abbiamo già raggiunto gli obiettivi di quello precedente, ma anche per adeguare i nostri obiettivi, alla luce della recente e profonda evoluzione del contesto competitivo e normativo.

    Sviluppato nel corso di cinque anni (dal 2108 al 2022), il Piano è concentrato sulla crescita all'estero e sul rinnovamento tecnologico della nostra flotta eolica in Italia. Questo prevede un incremento della capacità installata di circa 850 MW attraverso tre differenti canali: sviluppo organico e accordi di co-sviluppo in Europa, nuove acquisizioni nei paesi target e un piano di Repowering & Reblading di parte dei nostri parchi eolici in Italia. Eccellenza industriale, flessibilità dei nostri asset e forti competenze di Energy Management sono le caratteristiche su cui faremo leva per raggiungere questi obiettivi. Gli strumenti della comunicazione finanziaria ERG affronta la comunicazione con la Comunità Finanziaria attraverso incontri individuali e specifici roadshow, sia in Italia che all'estero. Dopo la presentazione del Piano Industriale, il Top Management del Gruppo si è impegnato in un'importante attività di roadshow, mirata a illustrare il Piano Industriale e i nuovi target agli investitori istituzionali.
  • Il dialogo con il Territorio
    Le nostre attività sul territorio sono tutte sviluppate per accrescere il valore del territorio stesso e favorire lo sviluppo delle comunità locali. Ogni iniziativa di investimento è valutata sulla base delle ricadute positive nel tempo ed è realizzata con il coinvolgimento delle comunità locali, dalla progettazione all'esecuzione dei lavori, per i quali privilegiamo l'utilizzo di appaltatori locali.

    È seguendo questo approccio che abbiamo realizzato la quinta edizione di "Vai col Vento!" che ha coinvolto in attività di educazione ambientale i ragazzi delle terze medie (con il doppio ruolo di stakeholder in qualità di "generazione futura" e "comunità locale") dei territori dove sono presenti i nostri impianti eolici.

    Dato il successo di questo format, dal 2017 è stato attivato l'analogo progetto "A tutta acqua!", un percorso per le scuole secondarie superiori localizzate nei territori ove sorgono i nostri impianti idroelettrici. Inoltre, sempre per generare valore sul territorio, abbiamo lanciato "ERG Re-Generation Challenge", un bando per idee realizzato in collaborazione con le istituzioni locali e le Università di Perugia e Macerata.

    La competizione era finalizzata a far emergere progetti legati all'energia rinnovabile o all'innovazione energetica da realizzare sul territorio. Infine, in Sicilia, sede del nostro impianto termoelettrico a gas naturale, abbiamo dato vita al "Progetto Scuola", che prevedeva attività formative sul rispetto dell'ambiente, sulla sicurezza stradale e iniziative dedicate allo sport.

    In occasione degli 80 anni del Gruppo ERG, abbiamo espresso il nostro impegno a sostenere iniziative di carattere sociale sul territorio genovese a favore sia delle comunità locali interessate dal crollo del ponte Morandi, sia a favore dell'Istituto Gaslini. Per approfondire tutte le iniziative, si veda il paragrafo "Le principali iniziative sul territorio".
  • Il dialogo con i Media
    L'ufficio Media Relations promuove la corretta rappresentazione del posizionamento e degli indirizzi strategici del Gruppo, assicurando un'informazione completa e tempestiva a livello nazionale, internazionale e locale, sia sui media tradizionali che sui social media.

    Notizie, comunicati stampa, eventi, dossier, gallerie di foto, conversazioni e post sui canali social (Linkedin, Twitter, Youtube) raccontano il mondo ERG con linguaggi diversi, per soddisfare le esigenze informative sia dei nostri principali stakeholder che di un'audience più ampia e diversificata.

    La frequenza delle nostre comunicazioni e la diversificazione dei mezzi, sempre nel rispetto della normativa per le società quotate, ci ha permesso di aumentare, gradualmente ma costantemente, la visibilità delle nostre attività, del nostro modo di operare e dei nostri valori. All'interno dell'area Media del nostro sito istituzionale si trovano facilmente le notizie relative al Gruppo, i risultati operativi e finanziari, i comunicati, il press kit, foto e video istituzionali.

    È inoltre attiva una "social media room" collegata con i nostri account social (ERGnow ed ERGcareers su Twitter, ERG S.p.A. su Linkedin, ERGnow su Youtube).

L'esperienza ERGLab

L'esperienza ERGLab
ERGLab è il think tank concepito da ERG per di approfondire i temi legati alle sfi de energetiche ed ambientali con cui l'Europa ed il nostro Paese saranno chiamati a confrontarsi nel prossimo futuro. Si tratta di un "laboratorio" aperto a rappresentanti "selezionati" dei diversi stakeholder del mondo energy, nel quale  è possibile confrontare i differenti punt  di vista, cercando di immaginare e condividere i possibili percorsi e gli scenari evolutivi del settore.

Il format di ERGLab è caratterizzato da:
  • FOCUS: temi specifi ci di policy energetica e ambientale, approcciati in modo sintetico e concreto;
  • CONFRONTO: uno o più main discussant presentano la loro view e avviano il dibattito
  • COINVOLGIMENTO:  tutti gli interlocutori esprimono liberamente il proprio punto di vista
  • RISERVATEZZA: gli incontri sono effettuati nel rispetto della Chatham House Rule, secondo la quale le posizioni espresse dai singoli non possono essere riportate all'esterno;
  • DELIVERABLE: i contenuti e le posizioni emerse, nel rispetto della riservatezza, sono sintetizzati in un documento di policy e/o working paper finale;
  • NETWORKING: i partecipanti all'incontro hanno la possibilità di continuare ed approfondire il confronto attraverso un "gruppo di posta" dedicato.

Nel 2018, quinto anno di vita di ERGLab, abbiamo organizzato quattro eventi dedicati ad argomenti di particolare
attualità per il settore elettrico.

Il primo appuntamento ha avuto l'obiettivo di aprire il confronto sugli obiettivi di decarbonizzazione dell'energia elettrica al 2030, con focus su eolico e fotovoltaico; nel secondo incontro ci siamo soffermati sulla diffusione dei Power Purchase Agreement quale strumento per sviluppare ulteriormente la capacità di generazione da rinnovabili. Nel il terzo incontro abbiamo approfondito un argomento cruciale per la penetrazione delle rinnovabili nei consumi elettrici: la riforma del dispacciamento elettrico e le eventuali criticità di implementazione in Italia, che presentano peculiarità a livello
progettuale e di sistema.

Da ultimo, in prossimità della presentazione della proposta di Piano Nazionale Energia e Clima da parte dell'Italia alla Commissione Europea, abbiamo ragionato sui contenuti che tale Piano dovrebbe includere per rendere operativo il programma di decarbonizzazione europeo delineato dalla Commissione con il Clean Energy Package for all Europeans di fine 2016.

Le principali Associazioni italiane in cui siamo presenti

Le principali Associazioni italiane in cui siamo presenti

Le principali Associazioni estere in cui siamo presenti

Le principali Associazioni estere in cui siamo presenti