A day in the life of...

Abbiamo chiesto ad alcuni #GreenEnERGyMakers di raccontarci qualche dettaglio sulla loro giornata lavorativa...

... Francesca Bianchini, Performance Control (Terni - Italia)

... Francesca Bianchini, Performance Control (Terni - Italia)
Puoi descrivere il tuo lavoro?

In ERG sono responsabile della funzione "Performance Control" sotto "Regulatory, Market Analysis & Performance Control". La mia attività consiste nel misurare la performance sia degli asset di generazione, in coordinamento con le unità operative di performance dedicate alle differenti tecnologie di produzione, sia delle strategie di vendita perseguite nei vari segmenti di mercato, confrontandola con benchmark condivisi o riferimenti intrinseci. 

A tal fine devo garantire adeguati modelli di monitoraggio in linea con le best practice del settore e la disponibilità di dati tecnici finalizzati ad analisi e confronti, illustrando mensilmente i risultati delle analisi effettuate al Chief Operation Officer ed ai responsabili delle diverse tecnologie.


Che cosa ti piace di più di quello che fai?

Sia dal punto di vista umano che tecnico, la cosa che mi piace di più della mia attività è il fatto di dovermi interfacciare con le diverse realtà che compongono la struttura produttiva della nostra azienda, ognuna con le proprie specificità, la propria storia, la propria "diversità".


Puoi descrivere la tua giornata tipo?

Prima di tutto vorrei dire che ho la fortuna di lavorare nella bellissima sede di Villa Fabrizi a Terni, sede del Nucleo Idroelettrico: un edificio del 1700 immerso nel verde, una vera oasi di pace!

La mia giornata inizia con un caffè insieme ai colleghi, dopo aver controllato la posta elettronica, gli appuntamenti del giorno e organizzato a grandi linee la giornata. Dopo il caffè di solito mi metto in contatto con i colleghi dislocati nelle varie sedi, per coordinarci ed organizzare le varie attività ed analisi.

Dopo il pranzo nella mensa aziendale, viene fatto il punto della situazione del lavoro svolto la mattina per continuare poi nel pomeriggio.
 

Alessia Sapora, Permitting (Terni - Italia)

Alessia Sapora, Permitting (Terni - Italia)
Alessia, iniziamo con la tua attività lavorativa: ci racconti in cosa consiste?

La mia attività consiste nella gestione dei progetti di investimento che riguardano il Nucleo Idroelettrico di Terni. Per gestione dei progetti di investimento intendiamo lo sviluppo dell'ingegneria, lo sviluppo del permitting, lo sviluppo della gara e delle attività di cantiere. Il permitting è l'attività principale.


Che cosa ti piace di più della tua attività, sia a livello tecnico che personale?

A livello personale mi piace molto il confronto con gli Enti quando l'obiettivo è ottenere un'autorizzazione: è un'attività che permette di misurare la propria capacità di parlare con gli altri e riuscire in breve tempo - contando unicamente sulle proprie risorse e sulle proprie capacità tecniche - a ottenere un'autorizzazione.

Un altro aspetto che mi piace è il confronto in cantiere. Mi piace molto verificare in cantiere se quello che si è pensato nella fase di ingegneria è stato sensato.

Il cantiere è la scuola migliore professionalmente parlando, ti aiuta a progettare meglio sia a valutare meglio la fase autorizzativa.


Ci descrivi un progetto in team che ti è particolarmente piaciuto?

Allora, per quanto riguarda un progetto in team che mi è particolarmente piaciuto direi la realizzazione dell'impianto mini-idro di Visso. È stata una delle esperienze lavorative più belle. Mi hanno affidato tutte le autorizzazioni e la gestione del cantiere. Le decisioni strategiche erano prese dal team completo, ma ero piuttosto autonoma. Mi piacerebbe avere un'altra opportunità di questo tipo.


Ci racconti la tua giornata tipo?

La mia giornata tipo…Arrivo in ufficio molto presto, circa alle 7:45, per conciliare la vita familiare entro molto presto, quando ancora non c'è nessuno: approfitto di questo momento di tranquillità per leggere tutte le mail e concentrami al computer. Verso le 8:45 /9:00 arrivano gli altri colleghi, inizia così la parte della giornata in cui ci sono confronti, riunioni etc.

Dato il mio ruolo, spesso durante la settimana mi capita di fare sopralluoghi che possono consistere in un controllo dello stato di avanzamento dei lavori su un cantiere in corso, oppure un sopralluogo presso un Ente per un'autorizzazione da ottenere, o ancora un sopralluogo presso aree di impianti per lo studio della fase di ingegneria.

La mia giornata è molto varia in funzione degli appuntamenti e delle cose da fare, diciamo che le 16:00, orario in cui di solito esco, arrivano molto velocemente!
 

 

Marco Papa, WTG Maintenance Unit (Chartres - Francia)

Marco Papa, WTG Maintenance Unit (Chartres - Francia)
Marco, di che cosa ti occupi?

Normalmente mi occupo di manutenzione e ricerca guasto su impianti eolici, ma ultimamente mi sto occupando anche di tutto quello che riguarda la gestione del magazzino, dei service report e quando possibile della ricerca guasto e manutenzione.


Che cosa ti piace di più del tuo lavoro?

Sono quasi 10 anni che faccio questo lavoro, ho cambiato diverse società e in ognuna di loro ho trovato qualcosa che facesse amare questo lavoro, dai colleghi, che in molte occasioni si sono trasformati in amici, alla scoperta delle varie attività.

Mi piace perchè ogni giorno c'è qualcosa di nuovo da fare e da imparare: non è un lavoro monotono! E poi, sembra scontato ma… adoro lavorare all'aria aperta e guardare il mondo dall'alto, dove tutto sembra più bello.

Credo davvero nell'importanza del nostro lavoro, nel rispettare l'ambiente e nel produrre energia pulita!


Puoi descrivere la tua giornata tipo?

08 e 30 in ufficio, guardiamo insieme al responsabile l'andamento dei parchi eolici, velocità del vento ed eventuali turbine ferme.

Se abbiamo guasti, con il benestare dei nostri responsabili, con i colleghi esaminiamo le informazioni che ci dà la turbina e prepariamo il materiale che potrebbe servirci (perché non sempre quello che sembra è quello che realmente è, non sempre un errore è causato sempre dallo stesso componente, i circuiti sono complessi e molto lunghi); dopo di ché partiamo per il parco eolico e una volta arrivati a destinazione chiamiamo la sala controllo per comunicare che siamo arrivati in impianto e che prendiamo noi carico della turbina.

Poi ci occupiamo di recintare l'area di lavoro per lavorare in tutta sicurezza e far sì che le persone non si possano avvicinare all'impianto mentre noi stiamo lavorando. Subito dopo saliamo sulla navicella (in Italia quasi sempre tramite le scale, ma abbiamo anche qualche pala con l'ascensore) e dopo un'attenta analisi ci dedichiamo alla risoluzione del guasto, che può durare un'ora come anche diversi giorni.

Finito questo sistemiamo tutto e controlliamo se ci sono altre Pale che necessitano di intervento e se non abbiamo altri interventi in programma raccogliamo tutti i rifiuti prodotti e li portiamo nel magazzino dove vengono smistati e gettati.

Dopo ci occupiamo della compilazione del "service report" dove spieghiamo l'intervento che abbiamo fatto, se abbiamo riscontrato anomalie e come abbiamo risolto il problema.

E da qui in avanti inizia il mio nuovo compito, ovvero esaminare tutti i services report, trascriverli su SAP prestando attenzione alla gestione dei componenti usciti e rientrati in magazzino.