Sole

Grazie ad un'importante acquisizione all'inizio del 2018, il nostro portfolio si è ampliato e produciamo energia anche dal sole, con 30 impianti dislocati in 8 diverse regioni, comprese tra nord e sud dello Stivale, con una capacità installata complessiva di 89 MW ed una produzione annua di circa 136 GWh, pari a circa 77 kt di emissione di CO2 evitata. Si tratta di impianti di alta qualità ubicati in Piemonte, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.

All'inizio del 2019 abbiamo acquisito il 75% della società proprietaria di due impianti fotovoltaici a Montalto di Castro, nel Lazio (51,4 MW complessivi), che hanno registrato nel 2017 una produzione totale di 95,9 GWh, pari a circa 50 kt di emissioni di CO2 evitata.

Questa operazione ci ha permesso di diventare uno dei primi cinque operatori fotovoltaici in Italia con oltre 140 MW di potenza installata.

ERG cresce nel solare con l'acquisizione del 78.5% di due impianti fotovoltaici (51.4 MW)

Leggi il comunicato stampa
Data di pubblicazione: 12 febbraio 2019
Leggi il comunicato stampa
Data di pubblicazione: 11 gennaio 2019

ERG e QUERCUS: una newco per il consolidamento del settore fotovoltaico in Italia

Genova, 3 agosto 2018. ERG, primario produttore italiano di energia da fonti rinnovabili con oltre 2.800 MW di capacità installata, e Quercus Assets Selection Sarl, fondo Europeo focalizzato su investimenti in fonti rinnovabili con oltre 350 milioni di Euro di asset under management, hanno firmato oggi un accordo per la costituzione della società per azioni ERG Q Solar1, con sede legale a Genova, partecipata al 60% da ERG e al 40% dal comparto Quercus Italian Solar Fund, con l'obiettivo di consolidare il mercato fotovoltaico italiano. La costituzione di tale società è prevista entro il 30 settembre 2018.

La NewCo, che opererà solo in Italia, è finalizzata all'acquisizione di impianti solari di piccola taglia inferiori ad 1 MW di potenza installata, con un target fino a 150 MW entro la fine del 2021. Gli investimenti complessivi sono previsti per un valore massimo di 350 milioni di Euro nei prossimi tre anni, con un ritorno minimo target in termini di equity Internal Rate of Return "low double digit", grazie anche alla realizzazione di sinergie industriali e finanziarie.  

Leggi il comunicato stampa 
 
Pagina modificata il giorno 12 feb 2019