Incontra Andrea Marelli

Ciao Andrea, ci racconti chi sei e di cosa ti occupi in ERG?

Sono un ingegnere meccanico classe 1972, ma sono anche un violinista (ho studiato al Conservatorio di Alessandria)… ormai sono 10 anni in ERG e mi occupo di HSE per la tecnologia eolica in Italia e all'Estero. In parole "semplici", mi occupo di far sì che i colleghi lavorino in sicurezza, che non ci siano danni alle persone e all'ambiente in cui insistono i nostri impianti e che tutto proceda al meglio.


Cosa ti piace del lavorare in ERG?

Come responsabile HSE, l'aspetto che amo di più del lavorare in ERG è che l'obiettivo della mia attività coincide con la missione più alta dell'azienda, a diretto contatto con i valori della nostra società. La funzione HSE offre supporto ai singoli lavoratori, ma ha anche molti contatti verso l'esterno… Il mondo HSE alimenta il Rapporto di Sostenibilità.

Il tema della Sicurezza nel mondo eolico è fondamentale: non dimentichiamo che i parchi sono "diffusi"e le squadre dei manutentori sono altrettanto "sparse". Inoltre si lavora tra i 50 e i 90 metri da terra, in uno spazio limitato.  Io ho l'opportunità e il privilegio di rappresentare ERG nel gruppo di lavoro dell'ANEV dedicato e sono "parte attiva" di una manifestazione – "Wind & Safety", patrocinata da GE –  sia  nell'edizione italiana che si tiene annualmente a Roma sia in quella internazionale a Parigi.

Lavorare in ERG significa avere sempre nuove sfide da affrontare e questo è molto stimolante. In generale, il mondo HSE tende a standardizzare, invece qui dobbiamo essere sempre molto dinamici – sotto tutti i punti di vista!

Grazie al mio ruolo, ho avuto l'opportunità di approfondire tutta la catena del business, dalle fasi iniziali di sviluppo e progettazione, alla realizzazione dei nuovi parchi eolici, fino all'esercizio e alla manutenzione degli stessi. Questo mi consente di conoscere tutte le fasi di vita di un parco eolico!

Vista la diffusione geografica dei parchi eolici di ERG, in questi anni ho avuto la fortuna di vedere tantissimi posti diversi e molto belli, come ad esempio il Castello di Celle in Germania, e di assaggiare piatti prelibati, come ad esempio la pantofola di Lercara Friddi in Sicilia, un dolce squisito ripieno di mandorle tritate, frutta candita e cioccolato!

Quando parliamo di sicurezza, dobbiamo parlare di cultura della sicurezza, un tema sempre importante per ERG nei suoi quasi 80 anni di storia. Per attirare l'attenzione dei colleghi operativi e stimolarli alla partecipazione al Concorso dedicato (link pagina Sostenibilità del sito) ho deciso di diffondere le mie vignette.


… Vignette? Perché sei anche un disegnatore di vignette? Ci racconti qualcosa?

L'amore per il disegno nasce dall'asilo… poi sono passato alle caricature degli insegnanti, alle medie mi sono cimentato con i primi fumetti, che sono diventati delle vere e proprie strisce con le avventure dei professori al Liceo.

La notizia di questo mio talento, della mia dimestichezza con la matita… si è diffusa anche in Azienda… e così sono stato coinvolto dalle colleghe di Talent Management per realizzare le icone che identificano i percorsi del nostro nuovo catalogo formativo.


Quanto è importante per te esprimere questo talento?

Per me è molto importante. Diciamo che è stato estremamente stimolante, così come lo è lavorare in ERG. ERG è un'azienda che favorisce lo sviluppo della persona a 360 gradi e dove è possibile mettere il proprio talento in tutto quello che si fa.