Analisi di Materialità

La nostra Dichiarazione consolidata di carattere non Finanziario 2017 è stata redatta in conformità alle linee guida "G4 Sustainability Reporting Guidelines" pubblicate nel 2013 dal GRI (Global Reporting Initiative) secondo l'opzione «Core», e integrate con le informazioni richieste dai GRI-G4 "Electric Utilities Sector Disclosures", specifiche per le aziende del settore utility. L'elenco degli indicatori GRI-G4 è disponibile nel paragrafo "Indice dei contenuti GRI-G4" del presente documento.

Nella predisposizione della DNF si è fatto riferimento anche agli orientamenti delle Linee Guida della Commissione Europea "Orientamenti sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario".

La necessità di rispondere ai requisiti della Legge e la coscienza che il documento è diventato oggetto di maggiore attenzione da parte degli analisti finanziari, ha richiesto un nuovo assessment della matrice di materialità utilizzata fino all'edizione 2016 del Rapporto di Sostenibilità: ci siamo concentrati sui temi di maggiore rilevanza per gli stakeholder "Azionisti" e "Comunità Finanziaria" ed abbiamo integrato i "temi rilevanti" così identificati con i requisiti minimi previsti dal Decreto 254.

Tale assessment ha permesso di sviluppare una nuova analisi di materialità contenente i temi rilevanti oggetto di rendicontazione nel presente documento, nonché di valutarli secondo i principi proposti dalle linee guida "G4 Sustainability Reporting Guidelines": inclusione degli stakeholder, contesto di operatività, materialità e completezza dei dati.

In tal senso, la DNF è stata redatta nella misura necessaria ad assicurare la comprensione dell'attività del Gruppo, del suo andamento, dei suoi risultati e dell'impatto dallo stesso prodotto, coprendo i temi rilevanti e previsti dall'art. 3 del Decreto 254 (relativi alla lotta contro la corruzione attiva e passiva, all'ambiente, alla gestione del personale, agli aspetti sociali e al rispetto dei diritti umani).

Il processo è stato seguito dalla funzione Corporate Social Responsibility che, nel corso di una prima fase di analisi documentale, ha mappato gli aspetti importanti per lo sviluppo sostenibile del Gruppo sulla base del judgement del Top Management Aziendale, indicazioni fornite dalle linee guida "G4 Sustainability Reporting Guidelines" (sia nei principi generali che negli specifici documenti di settore), domande raccolte nell'ambito di valutazioni ESG (Environmental, Social, Governance) ricevute nel corso dell'anno, benchmark con altre aziende del settore e, in generale, il contesto normativo di riferimento tra cui il Decreto 254. Gli esiti dell'analisi di materialità (presentati all'interno di questo documento) sono stati sottoposti a valutazione ed approvazione da parte del Sustainability Committee.

Come abbiamo realizzato la nostra analisi di materialità nel 2015

Come abbiamo realizzato la nostra analisi di materialità nel 2015
La nostra funzione Sostenibilità ha gestito il processo per l'individuazione delle tematiche materiali: nel corso di una prima fase di analisi documentale sono stati mappati gli aspetti importanti per lo sviluppo sostenibile del Gruppo sulla base della sensibilità del Management aziendale, delle indicazioni fornite dal GRI (sia nei principi generali che negli specifi ci documenti di settore), delle domande raccolte nell'ambito di valutazioni ESG ricevute in corso d'anno, dal benchmark con altre aziende del settore.
I temi così individuati (circa 60) sono stati poi raggruppati in 23 "topic rilevanti": di questi, 19 sono stati sottoposti a valutazione da parte degli stakeholder interni ed esterni mentre 4 sono stati ritenuti dei prerequisiti per la corretta comprensione del Gruppo ERG e quindi non sono stati sottoposti a valutazione. in particolare il "Profilo del gruppo ERG e le sue attività", "la Governance del Gruppo", il "rispetto della diversità e delle pari opportunità", la "tutela della salute e sicurezza dei dipendenti" così come tutte le tematiche di "compliance normativa" sono state ritenute "materiali a prescindere".
 
I topic rilevanti sono stati poi sottoposti a valutazione del Top Management del Gruppo tramite intervista a 12 Manager (tra cui Presidente, Vice Presidente e Vice Presidente Esecutivo, Amministratore Delegato e tutti i suoi primi riporti) e, tramite colloqui diretti o questionari distribuiti in occasione di eventi pubblici, da parte di 12 categorie di stakeholder (azionisti, Fornitori, Comunità Finanziaria, Comunità Locale, Docenti, terzo settore, studenti, istituzioni Pubbliche, Stampa e Blogger, Enti e Associazioni, aziende, altro) a cui è stato chiesto di indicare i 5 argomenti che ritenevano essere prioritari. I punteggi finali della significatività sono stati calcolati come media aritmetica del le valutazioni espresse dagli stakeholder (numero di volte in cui ciascuna tematica è stata valutata come rilevante) ponderate rispetto al numero degli appartenenti a ciascuna categoria di stakeholder.
 
La valutazione congiunta delle due significatività (Top Management e stakeholder) ha originato l'analisi di materialità, ovvero l'individuazione degli argomenti ritenuti rilevanti: questi sono stati trattati nel Rapporto di Sostenibilità sempre a livello di Gruppo salvo casi specifi ci di non pertinenza (ad es. la tematica emissioni non riguarda la produzione di energia da fonti rinnovabili).