Come vediamo il Futuro

Il futuro che vediamo è rinnovabile. Continueremo a muoverci in questa direzione, attraverso un programma di investimenti per circa 1,7 miliardi tra il 2018 e il 2022, portando avanti progetti di qualità e tenendoci pronti a cogliere le opportunità che verranno grazie al nostro know-how, alla flessibilità e alle capacità finanziarie.

Il XIX secolo è stato il secolo del carbone. Il XX del petrolio. Il XXI sarà per noi secolo dell'energia verde. Si stima che nel 2040 il 35% di tutta la produzione di energia elettrica sarà da fonti rinnovabili*. L'eolico crescerà nel mondo di sette volte tra il 2012 e il 2040**, in Europa quadruplicherà. Già dal 2020 i costi di produzione saranno inferiori rispetto a carbone a petrolio. Il che significa che grazie alla maggiore efficienza e alla riduzione dei costi le rinnovabili iniziano a essere decisamente competitive.

Scenario e politiche energetiche 
Negli ultimi anni si è raggiunta una consapevolezza diffusa sul legame diretto tra fenomeni quali l'emissione di gas serra e il riscaldamento globale e sulla necessità di mettere in atto azioni concrete per arrestare i cambiamenti climatici.

In Italia le attuali linee guida di politica energetica sono dettate dal Pacchetto per il clima e l'energia 2020 contenuto all'interno della strategia Europe 2020, che definisce gli obiettivi energetici da raggiungere entro il 2020 a livello di Unione Europea.

Nel 2011 la Commissione Europea ha definito la roadmap 2050 in cui delinea le linee guida per una quasi totale de-carbonizzazione della nostra economia andando oltre alla strategia 2020, con l'obiettivo finale di contenere il riscaldamento globale prodotto dal cambiamento climatico di origine antropica entro i 2°C. Come passo intermedio del percorso, a ottobre 2014 il Consiglio Europeo ha raggiunto un accordo sulla politica ambientale ed energetica per il 2030.

In questo contesto si inserisce anche l'accordo sui cambiamenti climatici di Parigi (COP21) sottoscritto da 196 Parti nel mondo.

Scenario e politiche energetiche da Rapporto di Sostenibilità ERG 2015

I nostri progetti per il futuro 
Nella transizione in atto emerge sempre più la centralità dello sviluppo delle fonti rinnovabili.
Noi abbiamo anticipato queste tendenze a livello mondiale attuando un radicale cambiamento nel nostro modello di business. Nel nostro piano industriale 2018-2022 abbiamo tracciato le linee strategiche dello sviluppo dei prossimi cinque anni.
*fonte: World Energy Outlook, IEA Nov.2015
** Bloomberg, New Energy Outlook 2015

Il nostro Business Plan 2018-2022

La nostra strategia vuole continuare ad essere quella di anticipare i trend del settore ed è per questa ragione che è stato approvato con un anno di anticipo il Piano Industriale 2018-2022.

Negli ultimi anni vi è stato un mutamento radicale e profondo in Europa dell'industria della generazione elettrica da fonti rinnovabili: se da un lato è sempre più forte la spinta da parte dei Governi verso la decarbonizzazione a favore delle rinnovabili, dall'altro vi è stato un mutamento radicale nello scenario competitivo tramite la progressiva introduzione delle aste competitive per l'aggiudicazione di nuova capacità rinnovabile ed il conseguente abbandono dei sistemi incentivanti.

Le rinnovabili sono passate quindi dall'essere un business con forti connotazioni infrastrutturali a business con caratteristiche prettamente industriali.

Nell'ambito di tale mutato contesto competitivo, la nostra strategia è quella di continuare a crescere nelle rinnovabili facendo ora leva sul nostro know how industriale, sulla nostra presenza territoriale, sulla qualità dei nostri assets, sull'efficienza operativa e sulla flessibilità del portafoglio integrato del nostro Energy Management.

L' obiettivo nel periodo 2018-2022 è di incrementare la capacità installata di circa 850 MW attraverso tre canali:

1) Greenfield e co-Sviluppo: intendiamo proseguire la propria strategia di crescita attraverso lo sviluppo organico o accordi di co-sviluppo in Francia, Germania e Regno Unito.

2) Repowering e Reblading in Italia: in considerazione dell'evoluzione tecnologica del settore eolico, ci poniamo l'obiettivo di effettuare il repowering ed il reblading su parchi dotati di tecnologia obsoleta, con turbine inferiori al MW, con incentivi già scaduti o in scadenza, ma al contempo nei siti più ventosi, pertanto con una redditività attesa molto alta anche in assenza di incentivi.

3) M&A: intendiamo continuare ad avere un approccio che ci permetta di cogliere le opportunità di crescita nelle rinnovabili nei paesi di interesse, facendo leva sull'esperienza acquisita lungo il nostro percorso di trasformazione e sulle sinergie derivanti dal consolidamento con il nostro portafoglio.

ERGLab


ERGLab è il think tank concepito da ERG per di approfondire i temi legati alle sfi de energetiche ed ambientali con cui l'Europa ed il nostro Paese saranno chiamati a confrontarsi nel prossimo futuro.

Approfondisci nella sezione Sostenibilità...
Pagina modificata il giorno 25 giu 2018