Ambasciatori della Formazione - Ubaldo

Cosa fa un ambasciatore della formazione?

L'Ambasciatore della Formazione in ERG è colui il quale conosce approfonditamente i corsi manageriali proposti dall'azienda e supporta, quando richiesto, i propri colleghi nell'individuazione di quelli più appropriati per la propria crescita professionale.  Ma non solo…    

L'Ambasciatore della Formazione è una persona curiosa, che approfondisce le tematiche oggetto del proprio lavoro o delle proprie passioni; è una persona che crede profondamente nel valore della conoscenza e della formazione personale.

Dovendo sintetizzare, l'Ambasciatore della Formazione ha il compito di "vivere" la formazione a 360° e di comunicarne il valore a tutti tramite l'esempio in prima persona.

Perché è importante per te la formazione?

Per me la formazione non è importante… È vitale! Vitale in quanto considero la vita una splendida opportunità di imparare ogni giorno qualcosa di nuovo mediante l'esperienza e l'approfondimento.

La formazione, teorica o "on the job", consente proprio di appagare la curiosità che ognuno di noi porta con se e di aggiungere ogni giorno un tassellino in più alla propria conoscenza.

Grazie all'esperienza personale sono arrivato alla conclusione che per una mente aperta momenti formativi anche molto diversi tra loro (per tematica affrontata o ambiente in cui questa si svolge) portano ad un processo virtuoso di "Cross fertilization" fondamentale per l'impostazione di processi creativi ed innovativi.

Diciamo che un giorno senza aver imparato o provato qualcosa di nuovo per me è un giorno sprecato!!!

Cosa apprezzi dell'impostazione che ERG ha dato alla formazione?

ERG dedica "molto spazio" alla formazione delle sue Persone e solo questo nella situazione odierna basterebbe per rendersi conto dell'importanza che l'azienda riserva alla loro crescita.

Ma ERG non si limita a questo… ERG consente alle proprie Persone di scegliere i corsi che più sono in linea con le loro aspirazioni e i loro gap formativi, spingendoci a costruire un nostro percorso formativo.

Tale approccio ha un duplice valore:
- non costringere le Persone a partecipare a corsi dei quali non si è pienamente convinti
- far sentire le Persone parte attiva del proprio percorso di crescita, "seminando" così il seme della auto-formazione che, se supportato da un terreno fertile di apertura al nuovo e curiosità, può innescare un circolo virtuoso di approfondimento autonomo e senso di partecipazione/appartenenza agli obiettivi che si vogliono perseguire

Direi che non si potrebbe adottare un approccio migliore di quello ad oggi in essere nel Gruppo ERG!