• Anno 2016

    ERG Renew cresce ancora in Europa.

    Ingresso nel mercato eolico del Regno Unito: acquisito un progetto per realizzare un parco (45 MW).

    Perfezionata l'acquisizione di 11 parchi eolici in Francia e 6 in Germania per un totale di 206 MW.

    I MW installati in Europa salgono a 1.721.

    ERG Renew cresce ancora in Europa.
  • Anno 2015

    ERG entra nell'idroelettrico.

    ERG acquisisce il business idroelettrico di E.ON in Italia con impianti in Umbria, Marche e Lazio (527 MW).

    ERG entra nell'idroelettrico.
  • Anno 2015

    ERG Renew cresce all'Estero.

    ERG Renew acquisisce 6 parchi in Francia (64 MW) e realizza in Polonia 3 parchi eolici per un totale di 82 MW.

     

    ERG Renew cresce all'Estero.
  • Anno 2014

    ERG Renew apre il capitale alla partecipazione di UniCredit (7,14%)

    ERG Renew apre il capitale alla partecipazione di UniCredit (7,14%)
  • Anno 2014

    ERG cede l'impianto ISAB Energy e la rete carburanti di ERG Oil Sicilia.

    ERG cede l'impianto ISAB Energy e la rete carburanti di ERG Oil Sicilia.
  • Anno 2013

    ERG Renew diventa il primo operatore eolico in Italia.

    ERG Renew diventa il primo operatore eolico in Italia con 1.087 MW di potenza installata e tra i primi 10 in Europa (1.340 MW).

    ERG Renew diventa il primo operatore eolico in Italia.
  • Anno 2013

    Nasce ERG Renew Operations & Maintenance per le attività di esercizio e manutenzione dei parchi eolici.

    Nasce ERG Renew Operations & Maintenance per le attività di esercizio e manutenzione dei parchi eolici.
  • Anno 2013

    ERG cede la raffineria ISAB e completa l'uscita dalla Raffinazione.

    ERG cede la raffineria ISAB e completa l'uscita dalla Raffinazione.
  • Anno 2010

    Nasce TotalErg, joint venture attiva nella commercializzazione di prodotti petroliferi.

    Nasce TotalErg, joint venture attiva nella commercializzazione di prodotti petroliferi.
  • Anno 2010

    Entra in esercizio ERG Power, centrale a ciclo combinato (480 MW), alimentata a gas metano.

    Entra in esercizio ERG Power, centrale a ciclo combinato (480 MW), alimentata a gas metano.
  • Anno 2008

    Viene costituita la newco ISAB S.r.l.

    ERG firma l'accordo con LUKOIL Viene costituita la newco ISAB S.r.l. (51% ERG - 49% LUKOIL), una partnership nelle attività di Raffinazione.

    Viene costituita la newco ISAB S.r.l.
  • Anno 2006

    ERG entra nel settore delle rinnovabili con l'acquisizione di EnerTAD.

    ERG entra nel settore delle rinnovabili con l'acquisizione di EnerTAD.
  • Anno 2004

    Nasce la Fondazione Edoardo Garrone.

    Nasce la Fondazione Edoardo Garrone.
  • Anno 2002

    ERG acquisisce da ENI la Raffineria Nord.

    ERG acquisisce da ENI la Raffineria Nord.
  • Anno 2000

    ISAB Energy inizia a produrre e commercializzare energia elettrica.

    ISAB Energy inizia a produrre e commercializzare energia elettrica.
  • Anno 1997

    Il titolo ERG viene quotato in Borsa.

    Il titolo ERG viene quotato in Borsa.
  • Anno 1986

    ERG acquisce Chevron Italia (1.700 stazioni di servizio). La quota di mercato sale al 5%.

    ERG acquisce Chevron Italia (1.700 stazioni di servizio). La quota di mercato sale al 5%.
  • Anno 1984

    ERG acquisisce le 780 stazioni di servizio di ELF Italiana.

    ERG acquisisce le 780 stazioni di servizio di ELF Italiana.
  • Anno 1975

    Inizia la produzione della raffineria ISAB di Priolo.

    Inizia la produzione della raffineria ISAB di Priolo.
  • Anno 1971

    ERG entra nel progetto di realizzazione della Raffineria ISAB a Priolo (Siracusa).

    ERG entra nel progetto di realizzazione della Raffineria ISAB a Priolo (Siracusa).
  • Anno 1967

    ERG completa ad Arquata Scrivia la prima struttura italiana di logistica petrolifera.

    ERG completa ad Arquata Scrivia la prima struttura italiana di logistica petrolifera.
  • Anno 1963

    Riccardo Garrone diventa Presidente di ERG.

    A seguito della prematura scomparsa del padre Edoardo, Riccardo Garrone diventa Presidente di ERG.

    Riccardo Garrone diventa Presidente di ERG.
  • Anno 1954

    La Raffineria di San Quirico viene collegata con il porto di Genova.

    La Raffineria di San Quirico viene collegata con il porto di Genova.
  • Anno 1947

    Inizia la produzione della Raffineria di Genova San Quirico.

    Inizia la produzione della Raffineria di Genova San Quirico.
  • Anno 1938

    Edoardo Garrone fonda ERG a Genova.

    Edoardo Garrone fonda ERG a Genova.

La nostra trasformazione

Abbiamo alle spalle una storia lunga ottant'anni. Con dinamismo e reattività abbiamo seguito l'evoluzione dei tempi.

Da compagnia oil siamo prima diventati un gruppo multi-energy e poi ci siamo trasformati in un player nelle rinnovabili. Anticipando le tendenze in atto a livello mondiale, abbiamo saputo mettere in discussione il nostro core business per aprirci alle sfide future degli scenari energetici globali e attuando un radicale cambiamento del nostro modello di business.

Del passato continuiamo a mantenere la solida cultura industriale e manageriale che ci ha sempre caratterizzato. Di seguito raccontiamo il nostro percorso, dalla fondazione a oggi. 
  • Il 1938 - Le origini

     È il 2 giugno del 1938 quando nasce la ditta individuale del dottor Edoardo Garrone per "il commercio di prodotti derivati dalla lavorazione del petrolio e del catrame". La società, diventata raffineria nel primo dopo-guerra, sceglie come marchio un dado (da "Dado", affettuoso diminutivo di Edoardo) sulle cui facce viene riprodotto un acronimo di tre lettere, le iniziali di Edoardo Raffinerie Garrone, ovvero ERG.

    Nel 1947 iniziamo la produzione della Raffineria di Genova San Quirico. Immediatamente dopo la seconda guerra mondiale, in un Paese tutto da ricostruire, il grande fabbisogno di energia fa diventare il petrolio la fonte energetica più adeguata a soddisfare le esigenze nazionali. Grazie alla favorevole congiuntura e alla felice posizione geografica degli impianti, l'attività di raffinazione diventa così strategica per ERG.

    Nel 1956 realizziamo il primo importante accordo internazionale con British Petroleum che, successivamente e per alcuni anni, deterrà una partecipazione di minoranza nel capitale sociale di ERG.

     

    Nel 1971 entriamo, con altri gruppi privati, nella compagine azionaria di ISAB, società nata per realizzare una grande raffineria in Sicilia che inizia la produzione nel 1975 (ISAB di Priolo). Nel 1985, in previsione della chiusura della Raffineria di San Quirico a Genova, assumiamo il controllo di ISAB con una partecipazione che cresce negli anni fino a raggiungere, nel 1997, il 100%.

  • Il 1984 - Cresce la Rete ERG

    Dopo aver sviluppato l'attività prevalentemente nel settore della raffinazione, attraverso la controllata ERG Petroli iniziamo a crescere a livello nazionale anche nel settore della distribuzione carburanti.

    Nel 1984 acquisiamo i 780 impianti della ELF italiana e nel 1986 i 1.700 impianti di distribuzione di Chevron Oil Italiana: cresce così la Rete ERG, riconoscibile, in tutte le strade d'Italia, per il marchio caratterizzato dalle tre pantere rampanti.

     

  • Il 1997 - La quotazione

    Attraverso una razionalizzazione della struttura societaria e una decisa focalizzazione sul business principale dell'energia, prepariamo lo sbarco in Borsa. L'obiettivo è creare le condizioni per il più efficiente finanziamento della nuova fase di sviluppo. Nell'ottobre 1997 il titolo ERG viene ammesso alla quotazione sul Sistema Telematico delle Borse Valori Italiane.

  • Gli anni 2000 - Da società petrolifera a società multi-energy

    Nel 2000 iniziamo a produrre energia elettrica attraverso ISAB Energy ( in jv con Edison Mission Energy), con una capacità di 528 MW e una produzione stimata di circa 4 miliardi di kWh all'anno.

    L'obiettivo è la realizzazione del primo impianto italiano di rigassificazione degli oli pesanti per la produzione di energia elettrica: l'innovativo progetto industriale viene finanziato attraverso il ricorso a un Project Financing di circa 1.900 miliardi di lire senza precedenti in Italia.

    Da società petrolifera, diventiamo una compagnia "multi-energy".

    Pochi anni dopo, nell'ottobre 2002, nasce ERG Raffinerie Mediterranee, società a cui è affidata la gestione di uno dei più grandi ed efficienti poli di raffinazione in Europa, realizzato attraverso l'unione e l'integrazione della Raffineria ISAB di ERG con la ex raffineria AGIP, entrambe a Priolo (SR).

    L'integrazione delle due raffinerie avviene mediante la realizzazione di un sistema di oleodotti e altri interventi di adeguamento e miglioramento dell'efficienza produttiva e della compatibilità ambientale tali da consentire alla nuova realtà un posizionamento di elevatissimo livello competitivo nello scenario internazionale.

    Alla fine del 2002 Alessandro Garrone viene nominato Amministratore Delegato di ERG. Nel 2003 Riccardo Garrone, dopo quarant'anni, lascia la presidenza di ERG. Lo sostituisce Edoardo, suo primogenito.

    Nel 2004 nasce la Fondazione Edoardo Garrone, come naturale evoluzione dell'impegno delle famiglie Garrone e Mondini e del Gruppo ERG in campo sociale e culturale. L'obiettivo della Fondazione è quello di dare un concreto contributo alla diffusione, fruizione, e alla comprensione della cultura, dell'arte e della scienza oltre a cooperare attivamente a progetti etici e solidali.

    Nel 2005 il titolo ERG a far parte dell'indice Midex all'interno del segmento Blue-Chips di Borsa Italiana. Il passaggio dal segmento Star al segmento Blue-Chips è avvenuto a seguito del rilevante aumento della capitalizzazione di Borsa del titolo.

                                                                                                                             

  • Il 2006 - L'ingresso nel mondo delle rinnovabili

    Acquisiamo EnerTAD S.p.A, società quotata alla Borsa di Milano che realizza e gestisce impianti per la produzione di energia elettrica dal vento.

    L'operazione segna il nostro ingresso nel settore delle rinnovabili nell'ambito della strategia multi-energy intrapresa. Enertad successivamente cambia la propria denominazione sociale in ERG Renew.

  • Il 2008 - L'accordo con Lukoil e la nascita della newco ISAB S.r.l.

    Il 2008 è l'anno dell'accordo con LUKOIL, uno dei più importanti accordi siglati nella storia del gruppo. Attraverso la costituzione di ISAB S.r.l. (51% ERG - 49% LUKOIL), realizziamo una solida partnership nelle attività di raffinazione e nella gestione della Raffineria ISAB di Priolo.

  • Gli anni 2008-2016 - La trasformazione ed il consolidamento: la crescita nell'eolico e l'ingresso nell'idroelettrico

    Tra il 2008 e il 2015 mettiamo in atto un profondo processo di trasformazione che ci porta a disinvestire dall'oïl per reinvestire nelle rinnovabili.

    In sette anni, tra il 2008 e il 2014 disinvestiamo asset per 3,3 miliardi di euro e ne reinvestiamo 3,9 miliardi in attività rinnovabili.

    In questi anni disinvestiamo dagli asset legati all'oïl: creiamo la joint-venture TotalERG, usciamo dalla raffinazione costiera con la cessione della raffineria ISAB, vendiamo l'impianto ISAB Energy e la rete di carburanti ERG Oil Sicilia.

    Allo stesso tempo reinvestiamo in asset di produzione di energia pulita: ci espandiamo nell'eolico in Italia e all'Estero attraverso acquisizioni e costruzioni di nuovi impianti, avviamo la nuova centrale cogenerativa ad alto rendimento a gas naturale, entriamo nel settore della produzione di energia dall'acqua con l'acquisizione del Nucleo idroelettrico di Terni.

    Già nel 2013 attraverso ERG Renew diventiamo il primo operatore eolico in Italia con 1.087 MW di potenza installata e tra i primi dieci in Europa con 1.340 MW.

    Nello stesso anno nasce ERG Renew Operations & Maintenance per le attività di esercizio e manutenzione dei parchi eolici.

    Nel febbraio 2016 sbarchiamo in un nuovo mercato estero dell'eolico, il Regno Unito, acquisendo un progetto per la realizzazione di un parco eolico in Irlanda del Nord (45 MW) e perfezioniamo l'acquisizione di undici parchi eolici in Francia e di sei in Germania (206 MW). I MW installati complessivamente in Europa salgono a 1.721.

  • Il Gruppo oggi

    Abbiamo concluso il nostro percorso di conversione alla produzione di energia pulita. 

    Abbiamo costruito un portafoglio diversificato per tecnologia ed area geografica, complementare e flessibile: il 97% delle nostre attività di produzione di energia elettrica è energia green. Produciamo circa 8 TWh di energia pulita. Allo stesso tempo abbiamo raggiunto una dimensione industriale completa (sviluppiamo, costruiamo e gestiamo completamente i nostri asset) e siamo diventati una società con una dimensione internazionale e in continua espansione all'estero.

    La trasformazione ha avuto anche un notevole impatto ambientale. Tutti i nostri indicatori ambientali sono migliorati dal 2008 al 2016. Avendo dismesso le attività oil e incrementato in modo importante le attività da rinnovabili, le emissioni evitate di CO2 nel periodo sono aumentate di 15 volte.

    Ora si apre una nuova fase di consolidamento e sviluppo nel settore delle energie rinnovabili: vogliamo continuare ad espanderci all'estero passando da un modello basato sulle acquisizioni a un modello di crescita organica. Entro il 2018, nell'arco del nostro piano industriale triennale, prevediamo che la nostra potenza installata salga a 3 GW. All'estero nell'eolico la capacità installata crescerà di due volte e mezzo a 850 MW.